Résumé (.pdf) ↓

Lisa Cadamuro
Copywriter

La prima cosa che ho scritto è stata il mio nome, con la S storta. La più lunga, la tesi di dottorato: quattrocentododici pagine su un poeta che di mestiere faceva il copywriter. La più sintetica, la descrizione del mio lavoro: scrivo.

Scrivo nomi con cui chiamare le cose, frasi brevi per farsi ricordare, testi lunghi che spiegano e raccontano. E anche concept e strategie di comunicazione.

Scrivo per aziende e agenzie; per la carta e per il web; per il design, la cultura, la moda, il vino e altre cose interessanti. Quando non scrivo, insegno: scrittura.

Scrivere è diventato il mio mestiere perché penso che la forma, il peso e il colore delle parole siano importanti. E perché quando scrivo mi dimentico di tutto il resto: credo sia perché mi piace.

T (+39) 339 81 56 016
hello@lisacadamuro.com

Résumé (.pdf) ↓

Corsi e workshop

 

• Copywriting. IED, Istituto Europeo del Design (Venezia)
• Scrittura per il web. IED, Istituto Europeo del Design (Venezia)
• Laboratorio di italiano scritto per traduttori. AITI, Associazione Italiana Traduttori e Interpreti, sezione Friuli Venezia Giulia (Udine)

Tutti i diritti sono riservati. I testi appartengono ai rispettivi committenti e non è possibile usarli senza la loro autorizzazione.

Design by TWO, 2020.

1.

Intervista (EN)

Intervista a Jean-Michel Wilmotte, realizzata e scritta per Poliform con Apartamento Studios nel 2019.

Jean-Michel Wilmotte is one of the top 100 architects in the world.
After graduating at the École Camondo in Paris, he created his own firm in 1975 and achieved recognition as an influential interior designer after working for the Louvre, where he designed the temporary exhibition spaces, bookshop, and restaurants beneath the Ieoh Ming Pei pyramid.
Though he is fond of designing museums and cultural spaces, as well as refurbishing architectural heritage, throughout his career Jean-Michel Wilmotte has branched out from furniture and industrial design to large-scale projects like the Greater Moscow.
Lightness and transparency are key concepts of his design, together with the ability to find a balance between past and present, the environment and contemporary needs. Among his latest projects are the Allianz Riviera Stadium in Nice, the Russian Orthodox Spiritual and Cultural Center in Paris, the Ferrari Sporting Management Center in Maranello and the refurbishment of the Halle Freyssinet into the Station F start-up campus in Paris, together with the renovation of Hotel Lutetia – which is the topic of this conversation. Far from a simple makeover, his work on the hotel achieved the delicate task of breathing new life into the building while respecting its roots and identity, which were so precisely narrated in the novel Lutetia by French writer Pierre Assouline.

L.C. — What is it that you find most fascinating about Hotel Lutetia?

J.M.W. — Everything is fascinating, from the building’s dimensions to its exceptional location, on the rive gauche, or its monumental façade, which opens up on Rue de Sèvres, Boulevard Raspail and Place Alphonse Deville: it’s incredible to have such a building on the Left Bank.

It’s also interesting that this hotel was imagined by the former owner of Le Bon Marché, Madame Boucicaut. When she opened her department store she said: “I would like the clients to stay longer in Paris to buy in my department store: I should build a hotel”. Unfortunately, she never had the chance to see it because she died before it opened.

Last but not least, a very fascinating aspect is art. The hotel was built in 1910, a period when art and architecture were transitioning from Art Nouveau to Art Deco. The façade has windows and balusters decorated with impressive angels, trellises and grapes, while the walls of the ground floor feature high quality frescoes, friezes and bas-reliefs.

L.C. — What is the main concept behind the new Hotel Lutetia?

J.M.W. — Our goal was to recreate the atmosphere of the original Lutetia for today’s requirements. We didn’t want to do a pastiche, nor a copy of what the Lutetia was before: it was more about our interpretation. Our challenge was to create a dialogue between the existing building and the refurbishment we had in mind, balancing contemporary elements with classical ones and cleaning up everything that was out of memory.

L.C. — How did you transform a hotel from the 1910s into a hotel for 2019?

J.M.W. — We realized almost immediately that the existing building already contained the vocabulary for the new building. Therefore, we borrowed some details and developed them. For instance, the overlapping circles that were featured on the tympanum of the main building were replicated on the floor of the bathrooms. We also completely remodelled the layout by creating larger rooms and reducing their number: all the bathrooms now have a window and are lit by natural light. We took all the partitions out because of their bad quality, upgrading the hotel’s acoustics, electricity, air conditioning, etc. And finally, we added a 17-meters-long swimming pool and a SPA.

L.C. — How did you redesign the ground floor?

J.M.W. — One of the most important things we created on the ground floor is the patio. What was previously a windowless salon, with a low ceiling and heavy curtains, is now an open-air garden that brings daylight everywhere! Further, there is an axis that didn’t exist before: now, from the Orangerie you can see the entrance on Boulevard Raspail. Then we completely reorganized the spaces. Salon Saint-Germain was too small to host a bar, so we decided to move the bar on the Boulevard Raspail side, while Café Saint-Germain is now a restaurant with a new skylight by contemporary artist Fabrice Hyber, that brings happiness in with its colours. The library, Salon Ernest – which is an engaging room for book lovers – also opens onto the garden.

L.C. — How has the past remained visible?

J.M.W. — I must say that when we arrived we couldn’t see any original decor or furniture, which had totally disappeared during the successive refurbishments in the 1960s, 1980s and 1990s. We only chose to maintain the sculptures of Cesar and Hiquily. I would rather say that we uncovered the past, that is now visible again. Under layers of paint, we came across original frescoes that we brought back to life.

L.C. — What was Poliform’s contribution to the overall project?

J.M.W. — Poliform Contract was contracted for the public areas. It made the Conciergerie, the lobby, the entire jazz bar – with the countertop in curved bronzed mirror, the “lustre” and the furnishings, the salon Saint-Germain, the Orangerie, the library, the Brasserie, the bathrooms and all the details of the ground floor.

We designed things that were very difficult to produce and it always found the appropriate solution. The piece I am most proud of is the masterful “lustre” (19,5 meters long !) of Bar Joséphine, made by Poliform. It is particularly interesting as it reflects the space, the frescoes and the light, and constitutes an extraordinary contemporary object on the ceiling.

L.C. — How do you imagine life in this new hotel?

J.M.W. — Life at the Lutetia is a unique experience. Let yourself be guided to your room, eat in Saint-Germain, relax on the patio or, if it’s cold outside, near the chimneys in the library. Smoke a cigar, then go down to relax in the SPA or in the swimming pool before having dinner and listening to jazz in the bar or joining a party in Salon Cristal. The Lutetia is really the best place to live the Left Bank way of life.

Leggila sul libro.

2.

Brochure (IT)

Profilo del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, scritto per la brochure istituzionale con Cosimo Bizzarri nel 2018.

Le arti ci aiutano a interpretare la realtà in cui viviamo.

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è la prima istituzione italiana progettata da zero con l’obiettivo di presentare, collezionare, documentare e supportare le ricerche artistiche di arti visive e performative, cinema, musica, architettura, design, moda e letteratura. Tutte espressioni del contemporaneo che avvicinano le persone ai grandi temi della vita e della nostra società.

Dall’apertura nel 1988 a oggi abbiamo prodotto e ospitato mostre e progetti espositivi, organizzato eventi speciali e promosso iniziative didattiche per studenti e adulti. Abbiamo anche raccolto nella nostra collezione oltre mille opere che mappano le tendenze artistiche dagli anni Sessanta in poi.

Il complesso che ci ospita, progettato dall’architetto razionalista Italo Gamberini e ampliato nel 2016 da Maurice Nio, è una città nella città: al suo interno ci sono 3.000 mq di sale espositive, un archivio, i 60.000 volumi della biblioteca specializzata CID/Arti Visive, l’auditorium-cinema, un bookshop, un ristorante, un bistrot e un teatro all’aperto.

3.

Manifesto (IT)

Manifesto di Incalmi, scritto con Cosimo Bizzarri per Consilia nel 2021.

Da Incalmi, tutto diventa uno.

Fondiamo fra di loro materiali diversi, in un processo sperimentale che ci spinge a superare continuamente i nostri limiti.

 

Reinventiamo il lusso attraverso l’artigianalità.

Ci prendiamo il tempo necessario per creare, giovandoci di un patrimonio di conoscenze dalla tradizione millenaria. 

 

Lavoriamo fianco a fianco con i nostri clienti.

Il successo di chi collabora con noi è anche il nostro. Per questo portiamo avanti ogni progetto come una squadra indivisibile.

 

Alimentiamo la creatività con la ricerca.

Studiamo meticolosamente gli oggetti, i materiali che li compongono e le funzioni che svolgono, per poi reinventarli completamente.

 

Facciamo cultura con gli oggetti e oggetti con la cultura.

Incalmi. Objects of culture.

 

Leggi anche i testi del sito e il payoff.

4.

Social media (EN + IT)

Una selezione tra le centinaia di post scritti per il profilo Instagram di United Colors Of Benetton con RealLife TV tra il 2018 e il 2019.

Power to the colors. 

Flowy lines and cozy fabrics: finally a lingerie that makes you smile. 

Fall in two words: new coat.

For all the summer lovers over there: be brave and stay warm.

*No fluffy teddy bears were harmed during this shooting.

Leggi anche gli altri.

5.

Claim (IT)

Campagna multisoggetto per il lancio del progetto Trent’anni senza Moretti, scritta nel 2021.

 

Trent’anni senza di te. 

 

Illuminavi le mie notti.

 

Vederti mi faceva sentire a casa.

 

Eri profumo di primavera. 

 

Compagna di momenti felici.

 

Bodycopy

Sono passati trent’anni da quando lo stabilimento della Birra Moretti di Udine ha prodotto il suo ultimo litro di birra: trent’anni senza Moretti. Siamo alla ricerca di oggetti, fotografie e memorie personali che ci aiutino a costruire un archivio collettivo di immagini e narrazioni.

Cosa ha significato Birra Moretti per Udine e il Friuli? 

La storia non è completa senza di te. Scrivici o chiamaci

Leggi di più sul progetto.

6.

Catalogo (IT)

Una selezione dei testi del catalogo generale, scritti per md house nel 2021.

 

TESTO A (COPERTINA) 

Se è vero che come trascorriamo il tempo diventa, senza che ce ne accorgiamo, come trascorriamo l’esistenza, quanto sono importanti i luoghi in cui viviamo? La città dove abitiamo, gli uffici o gli studi in cui lavoriamo, gli spazi che scegliamo per incontrare altre persone, acquistare ciò che è necessario e ciò che non lo è, divertirci, stare bene… la casa. La nostra casa. Il posto in cui possiamo essere davvero noi stessi, l’isola a cui tornare per cercare un po’ di senso e di quiete in mezzo al caos.

La casa è il luogo che plasma la nostra vita, lo scenario dei ricordi che porteremo con noi. A casa trascorriamo la maggior parte del tempo, quello delle gioie più grandi e quello delle piccole cose – aprire la porta d’ingresso e riconoscere il profumo di casa nostra, unico al mondo, camminare e ballare a piedi nudi, leggere un libro senza riuscire a smettere, cucinare il nostro piatto preferito, tenerci stretti alle persone che amiamo, dormire, sognare. Nella nostra testa, lo spazio domestico non mostra ma evoca, come una sinestesia. Una sinestesia dell’esistenza. 

TESTO B (PAGINA II) 

Profile

Dal 1974 MD House accompagna con i suoi prodotti le evoluzioni dell’abitare contemporaneo. L’idea del design come ricerca del bello ispira la progettazione di sistemi componibili e modulari per le zone giorno e notte. Sistemi che con linee essenziali, materiali di qualità e combinazioni selezionate di colori e finiture interpretano i nuovi modi del vivere. E se lo stile è internazionale, la produzione è completamente italiana, tra dettagli dal sapore artigianale e saper fare made in Italy. 

 

TESTO C (PAGINA III) 

Concept 1: Alberto Lievore and Jeannette Altherr of Lievore + Altherr Désile Park 

«In quest’epoca segnata dall’urbanizzazione siamo tutti alla ricerca di spazi da chiamare nostri. Più di metà della popolazione mondiale vive in un contesto urbano, e i numeri sono in costante aumento. La richiesta di alloggi ne ha aumentato il prezzo e il costo della vita è salito in misura inversamente proporzionale ai metri quadri a nostra disposizione. Ma non per questo abbiamo rinunciato alla qualità degli spazi: anzi, abbiamo iniziato a riconoscerne l’importanza, plasmandoli a nostra immagine. E dentro case che oggi più che mai sono i nostri santuari, i luoghi in cui si svolge il rituale della nostra esistenza, siamo stati anche capaci di ripensare gli spazi comuni, condividendoli. Dai giardini alle lavanderie, abbiamo iniziato a chiamare nostro solo ciò che ha valore e ci appartiene davvero – la nostra camera da letto, il nostro salotto».   

Leggi anche tutti gli altri.

7.

Company profile (IT)

Company profile e sito web di Next Family Wealth, progettati insieme ad ATTO e scritti nel 2019.

Next Family Wealth è una boutique di consulenza patrimoniale. Discreta e indipendente, offre supporto per il controllo del patrimonio di famiglia e la pianificazione strategica degli investimenti e del passaggio generazionale. 

Perché dovresti affidarti a Next Family Wealth?

Perché ti rendiamo protagonista delle tue scelte d’investimento, con semplicità.   

Negli ultimi anni il mondo è cambiato: gli argomenti finanziari sono sempre più complessi, le possibilità di investimento si sono moltiplicate, le gestioni patrimoniali sono ormai standardizzate, e perfino le esigenze delle famiglie sono diverse da quelle della generazione precedente.

Ciò che non è cambiato è come si sentono le persone quando affrontano questi temi. Ecco perché siamo convinti, oggi più che mai, che un supporto indipendente in grado di rendere semplice e chiara la gestione del patrimonio sia fondamentale per tenere sotto controllo i rischi e ridurre i costi.

Chi siamo, chi sei

Noi siamo un team di professionisti indipendenti. Tu, una persona che vuole riprendere il controllo sul suo patrimonio.

Chi siamo

Il nostro team è formato da professionisti indipendenti che provengono dal mondo bancario e finanziario. La nostra posizione super partes ci permette di consigliare ogni cliente con competenza e obiettività, senza conflitti d’interesse: siamo allineati per ottenere il massimo.

Chi sei

Ci rivolgiamo a chi vuole investire con successo, avendo sempre sotto controllo la sua situazione patrimoniale e facendo in modo che l’intermediario possa offrire sempre il miglior servizio possibile.

I nostri valori

Una visione chiara e valori condivisi. Per te, sono i presupposti per investire con successo. Per noi, la filosofia che guida il nostro lavoro.

Indipendenza

Ci occupiamo di analisi, nient’altro: questo ci rende indipendenti e liberi da qualsiasi conflitto d’interesse.

Riservatezza

Siamo svizzeri: la riservatezza è il nostro modo di essere.

Fiducia

Facciamo esclusivamente i tuoi interessi: puoi fidarti del nostro lavoro.

I nostri servizi

Dalla verifica del profilo di rischio alla supervisione dei costi: il nostro lavoro è l’analisi della tua situazione patrimoniale.

Cosa facciamo

Verifichiamo il tuo profilo di rischio e controlliamo che gli intermediari rispettino la strategia d’investimento concordata. Ci occupiamo della supervisione dell’asset allocation e dei costi – diretti e indiretti – monitorando le performance.

Qual è il risultato

Ogni tre mesi ti forniamo la fotografia della situazione, attraverso un report scritto e commentato in modo semplice. In qualsiasi momento, siamo a disposizione per chiarire ogni aspetto bancario e finanziario.

Di cosa abbiamo bisogno

Per poter svolgere la nostra analisi abbiamo bisogno di estratti conto e patrimoniali, contratti di gestione, costi delle transazioni di borsa, strategie d’investimento e profilo di rischio individuato.

Sai come gestire in modo efficace il tuo patrimonio?

Inizia conoscendo la situazione…

Aziende, partecipazioni societarie, beni mobili e immobili: avere il controllo del patrimonio di famiglia è il primo passo per investire con successo.

Supervisione dei costi

Sai quantificare con precisione i costi diretti e indiretti relativi al patrimonio?

Supervisione della asset allocation

Come sono distribuiti i tuoi investimenti e con quale orizzonte temporale?

Supervisione del profilo di rischio

Sei a conoscenza del profilo di rischio che ti è stato assegnato e di cosa significa?

Supervisione dei rischi

Hai l’esatta percezione dei rischi collegati in questo momento ai tuoi investimenti?

Supervisione della performance

Qual è la performance del tuo patrimonio?

…e investi con successo

Il decalogo di una strategia d’investimento vincente: l’abbiamo messo a punto dopo aver lavorato a lungo in ambito bancario e finanziario.  

1. Stabilisci una visione, dei valori e degli obiettivi per il tuo patrimonio.

2. Seleziona con cura consulenti finanziari, banche e gestori patrimoniali.

3. Scegli il Paese o i Paesi in cui operare.

4. Definisci una struttura per i tuoi investimenti.

5. Imposta un modello di asset allocation.

6. Ragiona preferibilmente sul lungo o medio-lungo periodo.

7. Redigi una politica d’investimento.

8. Tieni sotto controllo le performance.

9. Coinvolgi e forma la tua famiglia.

10. Rimani sempre aperto al cambiamento.

 

Guarda anche il sito.

8.

Cartellino (EN)

Testo del cartellino scritto per Endelea nel 2020.

BOLD IS A WAY OF LIFE.

It means go straight on your path, live colorfully, and dream big.

Endelea is an ethical fashion brand.  We believe in creativity, connections, and empowerment.

That’s why our creations are designed in Italy and handmade in Tanzania, where we invest part of our revenues in sponsoring educational programs, sharing skills and knowledge with passionate design students. 

Thanks for choosing us.

Leggi anche i testi del sito e i report di sostenibilità.

9.

Comunicato stampa (IT)

Comunicato stampa scritto per Coccinelle nel 2015.

Coccinelle, delicata bellezza

È un inno alla bellezza la campagna P/E 2016 di Coccinelle, che ha scelto la top model Mariacarla Boscono per interpretare la sua nuova collezione, ancora una volta all’insegna della filosofia #FeelGood.

Leggerezza e femminilità caratterizzano la good attitude di Coccinelle: «la campagna parla di una donna sicura di sé, che non ha bisogno di dimostrare nulla», spiega Eleonora Pujia, Direttore Comunicazione. «Abbiamo deciso di declinare il concetto #FeelGood in chiave leggerezza, che per noi non è sinonimo di superficialità ma di spontaneità e consapevolezza. Una donna che è a suo agio con se stessa sa scherzare e prendersi in giro, è dolce e naturalmente elegante». Nella nuova campagna questo mood si colora di rosa, da quello pieno degli sfondi a quello delicato della pelle nuda.

I sette scatti sono dedicati alle icons della prossima stagione: Arlettis, la borsa must have indossata da molte star internazionali, qui in versione candy rose e argento, e la nuova it-bag Perine, shopping versatile e glamour nelle vestizioni camoscio e pelle, pelle e oro e traforata. Mariacarla Boscono, sguardo ipnotico e pelle diafana, le interpreta in modo straordinario. La top italiana è una delle modelle più famose al mondo:  volto e testimonial di alcune tra le più importanti maison internazionali – da Givenchy a Yves Saint Laurent, da Hermès a Prada, da Alberta Ferretti a Moschino – è apparsa sulle copertine di Vogue, Elle, L’Officiel, Numéro e Harper’s Bazaar.

La campagna – realizzata da Billy Kidd, fotografo newyorkese alla sua quinta collaborazione con il brand – uscirà su web e su stampa alla fine di gennaio.

10.

Editoriali (IT)

Testi del progetto editoriale New Landscapes di Billiani, scritti nel 2021.

Il senso del paesaggio 

Billiani riporta la natura al centro e lo fa riflettendo sul paesaggio. Un paesaggio vicino come quello del Tagliamento, ultimo fiume d’Europa libero di scorrere nel suo letto originale. Un paesaggio fatto di terra, d’aria e d’acqua ma anche delle comunità che lo animano con attività produttive condotte in modo sostenibile, nel rispetto dell’ambiente e dei materiali: come Billiani, che lavora il legno, e Torri Lana, storico lanificio bergamasco che da cinque secoli tesse fibre naturali per creare prodotti di grande qualità, selezionati da Billiani per la propria cartella tessuti.  Tra loro è nata una sintonia speciale. E poiché spesso i movimenti nello spazio sono anche spostamenti nel tempo, Billiani e Torri Lana hanno recuperato nel presente una dinamica del passato – l’intima collaborazione tra mobilieri e produttori di tessuto. Il risultato è una collezione innovativa di tessuti in filati naturali, disegnata da Cristina Celestino e prodotta in esclusiva per le sedute Billiani, che sulla perfetta interazione tra i materiali e l’accuratezza delle lavorazioni fondano la loro unicità. 

Billiani, Torri Lana e ritorno

Billiani ha sede a Manzano, in una strada che porta nel nome la storia di questi luoghi. Si chiama via della roggia, una parola che in alcune regioni dell’Italia settentrionale indica i canali artificiali usati fin dall’antichità per portare acqua ai mulini e ai campi. Situata tra il fiume Natisone e il torrente Torre, all’inizio del secolo Manzano era una piccola città di confine a vocazione agricola, diventata rapidamente famosa in tutto il mondo per essere il cuore del distretto friulano della sedia. Torri Lana si trova invece nella Val Gandino, nel bergamasco, zona di lanifici e setifici dalla tradizione millenaria. La sede è stata costruita nel 1885, come ricorda l’iscrizione sul muro di mattoni: all’epoca la forza motrice dei macchinari e dei telai era l’acqua di un torrente che ancora scorre nei pressi dell’edificio. Il design entra nella storia di Torri Lana quando l’azienda inizia a specializzarsi nella produzione di tessuti per l’arredamento, negli anni Settanta, collaborando con alcune tra le maggiori aziende del settore. Più o meno nello stesso periodo, Billiani vive il passaggio alla terza generazione: dopo aver prodotto per più di mezzo secolo sedie in legno curvate e impagliate, si dedica dapprima alle grandi commesse, quindi intraprende la strada del design. L’evoluzione, in entrambi i casi, è sinonimo di crescita. Una crescita basata su visioni e valori precisi: né Billiani né Torri Lana scenderanno mai a compromessi quanto alla qualità della propria materia prima – legno in un caso, filati naturali dall’altro – all’insegna della sostenibilità più autentica di chi semplicemente conosce un solo modo di fare le cose: farle bene, nel rispetto della natura e delle persone. È così che, in un momento storico in cui più che mai è importante progettare il futuro con lungimiranza e attenzione alla comunità, Billiani trova in Torri Lana l’interlocutore ideale per la nuova collezione di tessuti disegnata dall’art director dell’azienda, Cristina Celestino: un’esplorazione in un ambito nuovo e diverso, ma affine per cultura, tradizione e know-how – tra canali che sembrano radici, colori che richiamano la natura e fili che si intrecciano.

Leggi tutti gli altri testi del catalogo.

11.

Manifesto (IT)

Manifesto scritto per Nidi con dogtrot nel 2017.

Design. Ci ispiriamo alle esigenze e ai desideri di bambini e ragazzi per disegnare gli spazi proprio come farebbero loro. 

Emozione. La camera è un racconto. Arredi, complementi, accessori e colori sono gli elementi di una narrazione unica e personale. 

Colore. Come la fantasia, i colori arrivano dappertutto. 

Flessibilità. Quando bambini e ragazzi crescono, esigenze, passioni e gusti cambiano, così come la loro stanza, che si adatta e si trasforma insieme a loro.

(Im)perfezione. Progettiamo spazi che accolgono il mondo imperfetto e bellissimo di bambini e ragazzi. 

Leggi anche tutto il resto.

12.

Script editing (EN)

Explanatory video del Value Proposition Canvas di Strategyzer, scritto (per essere letto) con Daniela Berto nel 2016.

Everyday, companies design products and services to improve their customer’s lives. But 72% of new products and service innovations fail to deliver on expectations. This means that customers don’t care about 7 out of 10 new products introduced to the market. It doesn’t have to be this way. 

Just like you create value for your business with the Business Model Canvas, there is in fact a tool to intentionally visualize, design and test how you create value for customers. It’s called the Value Proposition Canvas.

The Value Proposition Canvas is composed of two parts: the Customer Profile and the Value Map. With The Customer Profile you describe the jobs your customer try to get done. Jobs can be functional (like getting from A to B), social (like impressing friends and colleagues), or emotional (like gaining peace of mind). You highlight your customer’s pains which annoy customers while trying to get a job done. Pains and negative outcomes that customers hope to avoid like dissatisfactions with existing solutions, challenges, frustrations, risks or obstacles related to performing a job.  And you outline customer gains which describe how customers measure the success for a job well done; gains are positive outcomes that customers try to achieve like concrete results, benefits and even  aspirations. Use the Customer Profile to visualize, test and track your understanding of the people or companies you intend to create value for. It’s a map that becomes clearer the more you learn about your customers. 

The second part of the Canvas is the Value Map. With it you list the Products and Services your value proposition builds on. You describe in which way these products, services and features are Pain relievers, how they eliminate, reduce or minimize pains customers care about, making their life easier. And you outline in which way they are Gain creators, how they produce, increase or maximize outcomes and benefits that your customer expects, desires or would be surprised by.  The Value Map makes explicit how your products and services relieve pains and create gains. Use it to design, test and iterate your value proposition until you figure out what resonates with customers.

You achieve Fit by creating a clear connection between what matters to customers and your products services and features ease pains and create gains .

Great Value Propositions target essential customer jobs, pains and gains and do so extremely well. Your customer profile may contain countless jobs, pains and gains but your Value Map highlights which ones you intend to focus on. Don’t forget. An outstanding value proposition can still fail if your business model is broken. Successful companies embed outstanding Value Propositions and scalable and profitable Business Models.

 Use the Value Proposition Canvas to create products and services that customers want. Get started on strategyzer.com

Guarda il video.

13.

Sito web (IT)

Pagina dedicata ai vini, scritta per il sito web di Gaspare Buscemi con rgb nel 2019.

Bottiglie d’artigianato

Le bottiglie d’artigianato sono quelle prodotte come Gaspare Buscemi, ma anche quelle dei viticoltori ai quali Buscemi fornisce, insieme a sua moglie e a sua figlia, l’assistenza tecnica e i servizi di cantina.

Si chiamano così perché contengono i vini d’artigianato: vini non modificati nei loro valori originari e non standardizzati da ripetibili per quanto avanzate tecnologie industriali. Vini capaci di reggere gli anni e di crescere qualitativamente nel tempo perché fatti a mano secondo le regole dell’alta qualità. Vini che nascono da uve raccolte e lavorate in condizioni di massima freschezza e sanità, con mosti ottenuti attraverso processi naturali di fermentazione e di stabilizzazione chimico-fisica, senza ricorrere a stabilizzanti specifici.

Com’è fatto il vino d’artigianato?

1. con uve di qualità, prodotte da viticoltori in un rapporto di collaborazione che rispetta e sostiene le diverse professionalità e garantisce la loro qualità.

2. con attrezzature costruite ad hoc: dalla lavorazione delle uve all’imbottigliamento, ogni operazione è eseguita manualmente usando attrezzature proprie, che assicurano lo svolgimento dei naturali processi della trasformazione in vino – presupposto fondamentale della lavorazione artigianale.

3. con il tempo. I vini Gaspare Buscemi giungono alla necessaria completezza organolettica naturalmente, senza l’impiego di tecnologie avanzate, stabilizzanti, correzioni e con un minore impiego di anidride solforosa.

4. in bottiglia: tutte le bottiglie sono chiuse con il tappo di sughero e sostano coricate in bottiglieria per il collaudo della tenuta di tappatura e la verifica dell’evoluzione del vino. Il sughero assicura gli apporti e lo scambio necessari alla positiva evoluzione del vino in bottiglia.
Saper aspettare. Nel tempo la qualità del vino evolve.

Gaspare Buscemi crede nei vini che sanno invecchiare. Nel tempo la loro struttura si fa più sostenuta, l’equilibrio si perfeziona fino alla sfericità (come diceva Luigi Veronelli) e l’aromaticità, inizialmente solo floreale e fruttata acquista sempre maggior complessità.

I vini bianchi si arricchiscono delle note di miele e di confettura di fiori e frutti bianchi e gialli, ma anche di sentori di spezie, di frutta secca, di sottobosco di funghi pregiati fino al tartufo, mentre il colore accentua la sua intensità ma senza decadere.

Nei vini rossi la frutta inizialmente presente – rossa e blu-viola – diventa sensazione di confettura, alla quale si aggiungono presto le note del sottobosco, e poi quelle del caffè, del cacao, delle spezie più aromatiche (cannella, chiodi di garofano…) e dei tabacchi biondi. Il colore prende toni sempre più mattonati e aranciati.

Leggi il resto.

14.

Script (IT)

Script del video dedicato all’anniversario di Gruppo Hera, scritto (per essere letto) per Quasar Multimedia nel 2017.

A volte abbiamo la sensazione che il tempo scorra velocissimo. Altre volte sembra non passare mai. Allora vorremmo farlo scorrere velocemente, accelerarlo al punto che le situazioni difficili durino pochi fotogrammi. Oppure rallentarlo per gustare più a lungo un momento speciale. Ma il tempo scorre, inesorabilmente. Veloce come un ruscello di montagna o lento come un fiume che si avvicina al mare.  Scorre inarrestabile. Come il sangue nelle vene, l’energia che alimenta ogni muscolo del corpo, un brivido lungo la schiena che ci fa sentire vivi. Tutto scorre. Qualcosa scorre lungo un percorso più avventuroso di quanto potremmo immaginare. Perché come la natura insegna, nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma, offrendoci spunti e opportunità per fare il nostro lavoro nel migliore dei modi. Siamo qui per continuare ad esserci. Perché se il tempo non lo possiamo ancora fermare, sappiamo che non dobbiamo sprecarlo. E conosciamo solo un modo per farlo: condividerlo!

Guarda il video su YouTube.